Skip to content

La Montagna in Bicicletta

You are here: Home » Itinerari mtb » Dolomiti » Monti Avanza - Fleons
24-11-2017
05:10

Monti Avanza - Fleons

Dislivello = 1400 m. > T. = 3h 20'
  • Dislivello : m. 1400
  • Lunghezza : km. 23.2
  • Tempo Percorrenza : 3 h 20'
  • Cartografia : Tabacco N° 01
  • Quota massima raggiunta : m. 2312
  • Località di Partenza : Forni Avoltri
  • Periodo consigliato : Estate

In sintesi :
Forni Avoltri bivio Pierabec (q. 906), Casera di Casa Vecchia, Passo Avanza (q. 1683), Rifugio Calvi (q. 2164), Passo Sesis (q. 2312), sentiero N° 140 - Traversata Carnica, Val Fleons.

Itinerario di straordinaria bellezza, difficilmente descrivibile a parole. In un paesaggio di grande montagna unisce panorami eccezionali e magnifici sentieri. Entusiasmante la discesa lungo la splendida valle di Fleons. Un breve tratto in salita in cui si deve portare la bici a mano non toglie nulla alla bellezza di quest'itinerario, fra i più entusiasmanti delle nostre montagne.

Descrizione itinerario:

Passato il paese di Forni Avoltri (per chi arriva da sud) appena dopo il ponte sul torrente Degano si parcheggia l’auto nei pressi del ristorante Al Fogolar, all’inizio della strada per Pierabec. S'inizia a pedalare su asfalto verso Pierabec..

1 A km.1.5 si gira a sx seguendo le indicazioni per il sentiero CAI N° 168.

Si transita fra le costruzioni della comunità San Marco dove si può fare rifornimento d’acqua. Si prosegue e la strada diventa sterrata. Poco avanti si notano il segnale di divieto di transito agli autoveicoli e una tabella indicante il sentiero CAI N° 168A.

La carrareccia è ampia, il fondo abbastanza buono.

A km. 2.8 si segue a dx attraversando un ponticello.

2 A km. 4.8 si attraversa ancora un ponte, si passa davanti alla costruzione della presa dell’acquedotto e al tornante si segue a sx in salita. Poco dopo (km. 5) si deve abbandonare la carrareccia portandosi a sx su una strada dal fondo ciottolato seguendo le indicazioni casera di Casa Vecchia e CAI N° 136.

Inizia il tratto in salita con il fondo ciottolato-lastricato. Soprattutto in condizioni d'umidità si deve fare molta attenzione a non perdere l’aderenza. Si affrontano un paio di rampe piuttosto impegnative, il sentiero è comunque sempre ciclabile.

Usciti dal bosco magnifica vista sul gruppo del monte Avanza, si è in prossimità della casera di Casa Vecchia.

Passando a fianco della casera si affronta ancora una ripida rampa e poi la strada spiana giungendo al passo Avanza.

Di fronte l’imponente mole del monte Lastroni

3 A km. 8.5 si giunge alla strada asfaltata proveniente da Cima Sappada e si segue a dx in salita.

4 A km.9.3 (t. 1h 30 circa) si giunge al parcheggio da dove sulla dx ha inizio lo sterrato che conduce al rifugio Calvi.

Da qui volendo si può proseguire su asfalto per raggiungere poco avanti il Rifugio Sorgenti del Piave dove è possibile fare rifornimento d’acqua.

S'inizia a salire su fondo ghiaioso abbastanza compatto. L'ampia strada presenta dei tratti di salita veramente impegnativi che consentiranno di restare in sella solo ai bikers più allenati.

5 A km.11.8 (t. 2h circa) si giunge al rifugio Calvi (quota 2164 m.).

Appena dietro al rifugio si prende il sentiero CAI N° 132 ben visibile e indicato da tabelle. Si sale spingendo la bici su ampio sentiero dal fondo ghiaioso per circa 15-20 minuti.

Poi il sentiero si fa meno ripido consentendo di pedalare. Giunti alla sella ci si mantiene a destra seguendo il sentiero N° 140. Poco avanti su un lastrone di roccia si trova l’indicazione per Forni Avoltri.

6 Si giunge così al Passo Sesis (tabella, quota m. 2312, t. 2h 20' circa).

Si apre magnifica la vista sul gruppo del monte Fleons e sull’omonima valle.

Da qui si prende il sentiero che scende (sempre segnavia N° 140 - Traversata Carnica) e che inizia con alcuni ripidi tornanti comunque ciclabili. Poi la pendenza si fa più dolce.

Si prosegue su splendido e veloce single track che corre sul fianco della montagna in posizione molto panoramica.

Nota: per avere una migliore precisione nella rilevazione delle distanze (avendo portato per alcuni tratti la bici in spalla) viene azzerato il contachilometri al passo Sesis. Fra parentesi vengono riportate le distanze complessive dall’inizio che saranno quindi da intendersi indicative.

 

7 Dopo 700 metri dal passo s'incontra un bivio molto ben evidenziato dai cartelli e si segue a dx. sempre sul sentiero N° 140 - Forni Avoltri.

Il percorso non è difficile ma si deve prestare sempre attenzione a causa dei sassi. Si procede in un ambiente meraviglioso nell'affascinante vallata di Fleons.

8 A km. 2.6 dal passo (t. 20' circa dal passo) si giunge ad un altro bivio e si continua sempre sul 140 - Sella Fleons - Forni Avoltri, trascurando il sentiero che va in salita. In questo tratto il sentiero si fa più tecnico ed impegnativo a causa del fondo sassoso e sconnesso. Più avanti il fondo si fa erboso.

9 A km. 4.5 (30' circa dalla sella) s'incontra un’altro bivio e anche qui si continua sul 140 - stretta di Fleons - Forni Avoltri. (t. complessivo 2h 50' circa, km. 17).

Si attraversano splendidi prati e boschi magnifici.

A km. 5.9 (18.4 complessivi) si supera una sbarra e si è su un tratto cementato. Si passa davanti alla costruzione della presa dell’acquedotto.

Poi il fondo si fa dissestato richiedendo più attenzione, si lascia sulla sinistra una bella cascata. Più avanti il fondo migliora, la strada si fa più ampia.

10 A km. 7.5 (km. 20 complessivi, tempo 3 h 15' circa) si giunge ad un’ampia strada bianca nei pressi di una cava e si prosegue dritti.

Proseguendo la strada diventa asfaltata. Si transita davanti allo stabilimento dell’acqua Goccia di Carnia.

Con una veloce discesa su asfalto si giunge in breve al luogo di partenza.

(Dal passo Sesis km.10.7 e t. 50' circa).

la montagna in bicicletta
news e
programmi week-end