Porzus

Dislivello = 600 m. > T. = 1h 30'
  • Dislivello : m. 600
  • Lunghezza : km. 16.9
  • Tempo Percorrenza : 1 h 30'
  • Cartografia : Tabacco N° 26
  • Quota massima raggiunta : m. 692
  • Località di Partenza : Faedis
  • Periodo consigliato: Autunno, inverno, inizio primavera. 

In sintesi :
Faedis, Poiana, B.go Cracigna, B.go Faris, Attimis, Porzus, Castello di Cuccagna, Castello e Chiesetta di Zucco, Faedis.

Facile salita in buona parte su asfalto e discesa su single track dove, per i più esperti, solo qualche breve passaggio costringerà a scendere dalla sella.
Alcuni tratti lastricati rendono questo sentiero non sempre facile. Si passano i castelli di Cuccagna e Zucco in ristrutturazione

Descrizione dell'itinerario :

L'itinerario ha inizio dalla piazza di Faedis. Si inizia a pedalare in direzione di Attimis.

1 Dopo km. 1.1 si gira a dx per Poiana.

A km. 1.4 si lascia la strada e si segue dritti fra le case, si passa un piccolo spiazzo asfaltato e girando a destra, sul retro di una casa, si vede l’inizio dello sterrato contraddistinto dal segnale di divieto di transito.

Si procede con alcuni saliscendi su una bella strada dal fondo compatto e si giunge alla frazione di Borgo Cracina.

2 A km. 2.7, ormai sull’asfalto, si arriva ad un incrocio (segnale di precedenza) e si gira a sx. In leggera discesa.

Poco avanti a km. 2.8 si gira a dx per via Cracigna. Si attraversa un ponticello e si prosegue mantenendosi a sx. Si giunge ad una piccola rotonda con al centro una specie di vasca e da qui inizia lo sterrato (km. 3.1) contraddistinto dal segnale di divieto di transito.

3 A km. 4.2 si è a Borgo Faris e cento metri dopo, ormai su asfalto, si gira a sx. per ritornare sulla statale. A km. 4.6, all’incrocio con la statale, si segue a dx.

4 Si giunge ad Attimis e a km. 6.2, subito dopo la chiesa, si gira a dx seguendo l’indicazione Subit. Al successivo incrocio ci si mantiene a destra.

5 A km. 7.5 ancora a dx seguendo per Porzus. Inizia la salita (t. 30' circa) su asfalto, facile e senza strappi impegnativi.

! 6 A km. 12.6, ormai in vista dell’abitato di Porzus, all’altezza di un tornante che gira verso sx, si vede sulla dx l’inizio della strada bianca che si deve imboccare. Tempo di percorrenza sin qui un’ora.

A km. 10 si passa un fabbricato e si prosegue mantenendosi a dx. Poco avanti, in una specie di radura ci si mantiene a dx, proseguendo la strada si stringe fino a diventare sentiero. Poco avanti ancora a dx in discesa.

Si procede su un single track veloce ed entusiasmante. Si attraversa una zona nel sottobosco dove il sentiero, in primavera, corre in mezzo ad una magnifica fioritura di crocus.

Si affronta successivamente un tratto con sassi più impegnativo e, più avanti, alcuni brevi tratti dove è necessario portare la bici a mano.

7 A km. 15 (t.1h 15') si giunge ad un incrocio di sentieri dove su un palo sono poste evidenti e chiare indicazioni. Si gira a sx in discesa seguendo per i Castelli di Cuccagna e Zucco.

Si giunge così in breve al castello di Cuccagna (km. 15.3), una torre in pietra in ristrutturazione.

Proseguendo si arriva al secondo castello (km. 15.7), quello di Zucco con la chiesetta, Madonna di Zucco, ristrutturata. Bello il panorama verso la pianura.

Si prosegue affrontando un tratto scalinato, percorribile in sella per i più esperti. Più avanti il sentiero prosegue con una parte lastricata che mette a dura prova bikers e forcelle.

A km. 16 si sbuca su una strada bianca che si attraversa prendendo il sentiero che prosegue sull’altro lato e che in breve porta alle case.

8 Velocemente, passando sul retro di alcune case, si sbuca sulla strada asfaltata e si segue a dx.
In brevissimo si arriva alla piazza del paese.

 

la montagna in bicicletta
news e
programmi week-end