Monte Quarnan cima

Dislivello = 950 m. > T. = 2h 30'
  • Dislivello : m. 950
  • Lunghezza : km. 22.7
  • Tempo Percorrenza : 2 h 30'
  • Cartografia : Tabacco n° 20
  • Quota massima raggiunta : m. 1250
  • Località di Partenza : Maniaglia (fraz. di Gemona)
  • Periodo consigliato : Primavera, autunno, inverno (salvo neve)

In sintesi :
Maniaglia, Gemona, malga Cuarnan, Ors di Cuarnan, sentiero 715, borgo Jouf, borgo Lucardi, Sornico, Maniaglia.

Una facile ma abbastanza lunga salita, con la prima parte su asfalto, porta nei pressi della cima da cui si inizia la discesa su sentiero. La parte alta del sentiero è più impegnativa, poi diventa più facile, molto bella e divertente. Magnifici panorami sulla pianura friulana.

Descrizione itinerario :

L'itinerario ha inizio dal campo sportivo della frazione di Maniaglia (comodo parcheggio di fronte al campo). Si inizia a pedalare verso nord in direzione di Gemona.

La strada asfaltata è in leggera discesa, ci si immette sulla strada proveniente da Artegna e si prosegue dritti attraversando la galleria. Si passa davanti al bel Duomo di Gemona.

1 A km.2 si gira a dx seguendo le indicazioni stradali monte Cuarnan.

A km. 2.6 ancora a dx sempre seguendo le indicazioni. A km. 3.1 si sbuca su un’altra strada e si segue ancora a dx.

A km. 11.7 (t. 1h 10' circa) i lunghi tornanti hanno termine e si segue verso malga Cuarnan. A km. 12.2 inizia lo sterrato.

2 A km. 12.5 al bivio si segue a sx sempre verso la malga.

3 A km. 13.1, ormai nei pressi della malga che si vede poco avanti, si deve girare a dx prendendo la strada in salita. Il fondo sassoso e la pendenza rendono la pedalata abbastanza difficoltosa.

4 A km. 14 la strada si biforca e si segue a sx affrontando un’ultima breve ripida rampa. Si giunge alla cresta della montagna (t. 1h 30' circa). La vista si apre.

Dalla fine della strada si segue a sx la traccia che corre lungo la recinzione (pali con fili elettrici)

Attraversato un passaggio nella recinzione si prosegue avanti verso sud ed in breve si giunge alla zona di partenza per il volo a vela che è evidenziata da bandierine e maniche a vento (km. 14.5, t. 1h 40' circa).

Volendo si può raggiungere la cima con la bici a mano per poi godersi la discesa lungo lo stesso percorso.

5 Da qui, affacciandosi verso la pianura, si prende l’evidente traccia del sentiero CAI N° 715 che scende verso dx.

Si scende costeggiando una proprietà privata recintata e a km. 14.6 si giunge ad un bivio dove il sentiero si biforca. Si segue la evidente traccia di sx. Il sentiero inizia a scendere sul fianco della montagna con stretti tornanti difficilmente percorribili in sella.

Molto bello il panorama che spazia ampio sulla pianura sottostante.

Più in basso il sentiero piega decisamente verso est diventando ciclabile.

6 A km. 15.4 la parte più ripida termina nei pressi di una spiazzo erboso dove si incontrano altri sentieri (tabellina in legno) e si segue a dx in leggera discesa.

Si prosegue sull’evidente traccia fino a giungere a km. 15.7 ad una piccola cappella votiva (quota m. 934) da dove si prosegue a destra sul sentiero N° 716 che è ampio e si mantiene in falsopiano.

! 7 A km. 16 si deve abbandonare il sentiero principale e girare a sx imboccando il sentiero che prosegue in discesa nella direzione opposta a quella di marcia.

Si giunge in breve ad uno spiazzo (km. 16.3), utilizzato come base di partenza per il volo a vela, da cui inizia un sentiero molto bello e veloce che con comodi tornanti scende a zig zag la dorsale del monte.

8 A km. 16.9 (t. 1h 50' circa) il sentiero termina giungendo ad una strada sterrata. Si segue a sx in discesa.

9 A km. 18.2 si giunge a borgo Jouf e arrivati allo spiazzo asfaltato adibito a parcheggio si imbocca la strada sterrata che parte proprio in fondo al piazzale, contraddistinta dal segnale di divieto di transito agli autoveicoli. Si procede dapprima in piano, più avanti inizia la discesa.

! 10 A km. 19.4 proprio all’altezza di una curva verso dx si nota sulla sx l’imbocco del sentiero che si deve seguire che è evidenziato da un rudimentale corrimano in legno. La traccia che si prende è ampia ed evidente, il sentiero è sempre ciclabile.

11 A km.19.7 (t. 2h 10' circa) si è alle case di Borgo Lucardi e poco avanti sbucando sulla strada asfaltata principale si segue a dx in discesa.

A km. 20 al bivio si segue a dx in direzione Gemona.

A km. 21.8 ci si immette su un’altra strada, si segue ancora a dx e si giunge a Maniaglia. Ancora poche decine di metri e si giunge al punto di partenza

la montagna in bicicletta
news e
programmi week-end