Monte San Martino

Dislivello = 1050 m. > T. = 3h 15'
  • Dislivello : m. 1050
  • Lunghezza : km. 28
  • Tempo Percorrenza : 3 h 15'
  • Cartografia : Tabacco N° 41
  • Quota massima raggiunta : m. 987
  • Località di Partenza : Cemur (Clastra)
  • Periodo consigliato : Primavera, autunno, inverno.

In sintesi :
Cemur, Clastra, Prehod, Cernizza, Grimacco, Plataz, Canalaz, Sella S. Martino, monte San Martino.

Un giro di grande soddisfazione che porta alla cima ad ammarare un magnifico panorama. Abbastanza impegnativo per i continui cambi di pendenza.

Descrizione itinerario :

L'itinerario ha inizio dalla frazione di Cemur, pochi chilometri dopo la località Ponte San Quirino. Si può parcheggiare nello spiazzo a fianco del bar dopo il distributore di benzina.

Si inizia a pedalare verso Scrutto.

1 Dopo 500 metri, all’altezza del cartello indicante la frazione di Scrutto, si gira a sx seguendo le indicazioni per la frazione di Clastra .

2 A km.3 (t. 25' circa), subito dopo il cartello indicante la frazione di Clastra, all’altezza di un crocefisso, si gira a dx seguendo l’indicazione San Martino. Si imbocca una rampa cementata.

Poco avanti, a km. 3.3, subito dopo il segnale di divieto di transito, si gira a dx. Inizia una strada bianca dall’ottimo fondo compatto. La strada prosegue in falsopiano e con alcuni saliscendi.

3 A km 4.8 si sbuca su una strada asfaltata proprio all’altezza di un tornante e si segue a dx in discesa. Si giunge alla frazione di Cernizza..

4 A km. 5.6 all’altezza di un tornante, poco prima delle case, si lascia la strada asfaltata e si imbocca sulla sx una strada bianca contraddistinta dal segnale di divieto di transito.La strada prosegue con saliscendi non impegnativi fino al km. 8.5 dove si affronta un breve tratto di salita più impegnativa. Subito dopo c’è una discesa che porta alla frazione di Grimacco.

A km. 9.6 (t. 1h circa) si è a Grimacco e si oltrepassano le case, allafine della frazione, al tornante, si prosegue dritti sempre su strada asfaltata. Inizia un ttratto in salita.

5 A km. 10.7 si giunge alla strada proveniente dal fondovalle si gira a sx, si è alla frazione di Plataz (cartello indicannte la località) Si prosegue ancora in salita sempre su asfalto. Salendo si può vedere la cima del monte San Martino, meta dell’itinerario.

Si oltrepassa la frazione di Canalaz.

6 A km. 12.6 (t. 1h 20' circa) si giunge al passo di San Martino (m. 663). Poco avanti sulla sx si nota, dopo una spiazzo ghiaioso, l’inizio della mulattiera che si prenderà per il ritorno. Si prosegue sulla strada asfaltata per alcune decine di metri fino a giungere alla curva dove si imbocca la mulattiera che parte sulla dx facendo una inversione a centottanta gradi. La pendenza non è elevata però il fondo a tratti lastricato rende in alcuni punti la pedalata un po’ difficoltosa.

A km. 14.4 si prosegue dritti trascurando la diramazione sulla sx.

A km. 14.8 il fondo diventa erboso. Sulla dx si vede un bel prato ed è da qui che scenderà il sentiero al ritorno dalla cima.

A km. 15.1 la strada si stringe diventando quasi un sentiero, sempre ciclabile. A km. 15.4, a causa di uno smottamento, sembra che il sentiero abbia termine, ma poco in alto sulla sx se ne vede la prosecuzione. Si procede con alcuni tornanti sempre in sella.

7 A km. 16.2 (t. 2h circa) si giunge alla chiesetta di San Martino. Qui si può lasciare le bici e raggiungere, pochi metri più sopra, la sommità della montagna. Meraviglioso il panorama a trecentosessanta gradi sui monti Nero, Colovrat, Mataiur, ecc..

Per la discesa si riprende il sentiero da cui si è giunti e a km. 16.4 si taglia a sx. A km. 16.7 al tornante si segue dritti. Poco avanti si giunge al prato prima descritto.

A km. 17.1 si è di nuovo sulla carrareccia percorsa all’andata.

! Da qui, invece di proseguire sulla strada facendo il tornante verso dx, si va dritti imboccando nuovamente il sentiero che parte proprio sulla curva. Si seguono le frecce bianco rosse dipinte su alcuni sassi.

Il sentiero è largo e facilmente ciclabile, molto bello e divertente.

A km. 17.4 diventa un più ripido richiedendo un po’ più di attenzione.

 

8 A km. 17.9 (t. 2h 10' circa) si giunge nuovamente alla sella di San Martino (alla Madonnina) praticamente di fronte alla mulattiera, precedentemente descritta, da imboccare per continuare la discesa.

Il percorso è evidenziato dai segnali bianco rossi. La strada prosegue in leggera salita con un ottimo fondo compatto. Si segue sempre la strada principale trascurando eventuali diramazioni.

A km. 18.8 la strada ha termine e diventa sentiero. Lo si imbocca seguendo sempre i segni bianco rossi. Si affronta qualche passaggio un po’ più impegnativo.

A km. 19.6 si incontra una tabella in legno indicante il bivio per Grimacco e si continua sul sentiero principale.

Il sentiero prosegue con continui saliscendi dove, qualche breve tratto più ripido costringerà a scendere dalla sella.

9 A km. 21.7 si giunge nei pressi della chiesetta di Santa Lucia.

! A km. 21.9 dopo una salita poco oltre la chiesetta, bisogna fare attenzione a prendere il sentiero verso dx in discesa, abbandonando la traccia principale che sembra proseguire a sx in salita. Poco avanti su un sasso si nota il segnale bianco rosso quale conferma di essere sulla strada giusta. Poco avanti il sentiero si fa più dolce con il fondo erboso.

10 A km. 22.4 (t. 2h 50') si giunge ad un bivio (ci sono due tabelle indicanti S.Martino e S.Lucia) e si procede a dx seguendo i segni bianco rossi (un po’ sbiaditi).

Si affronta un breve tratto di salita. A km. 23.6 si esce dal bosco sbucando in un bellissimo prato. Un magnifico declivio erboso degradante verso la pianura da cui la vista può ampiamente spaziare.

Il sentiero corre nel prato piegando verso destra e, più avanti, diventa praticamente una strada.

11 A km. 25.5 si arriva ad una strada cementata proprio nei pressi della presa dell’acquedotto.

Si prosegue in discesa su fondo cementato e molto velocemente si giunge a km. 25.9 alla strada asfaltata, al bivio precedentemente descritto (punto 2), alle porte della frazione di Clastra.

Si segue a sx in discesa sulla strada già percorsa e molto rapidamente si giunge alla statale (km. 27.5) dove si gira a dx per ritornare al punto di partenza

la montagna in bicicletta
news e
programmi week-end