Pressione coperture

Pressione coperture

La giusta pressione delle coperture è un aspetto importante da considerare nell’utilizzo della mountain bike.

Pressioni sbagliate o coperture logorate possono causare strani fenomeni...

Normalmente quando si inizia un’uscita la gomma è sempre ben pompata, questo è utile anche per fare meno fatica nei tratti di trasferimento asfaltati. Non appena inizia lo sterrato, o ancor di più su sentiero sconnesso è necessario sgonfiare un po’ le coperture per garantire la giusta aderenza. In fuoristrada una gomma troppo gonfia rimbalza sugli ostacoli compromettendo l’aderenza, mettendo in difficoltà il biker più esperto e comportando un maggiore dispendio di energia nella pedalata.
Ci si dovrà quindi preoccupare di dare alla copertura la giusta pressione, e questo è ancor più importante nel momento in cui si dovrà affrontare la discesa.
Ma qual’è la giusta pressione?
Non è il caso di parlare di numeri (bar o psi - unità di misura della pressione) anche perché la pressione dipende dalle dimensioni e dal tipo della copertura, dal peso del biker, dal tipo di terreno che si deve affrontare e dallo stile di guida.
Ha più senso spiegare il concetto: la gomma deve essere sufficientemente morbida da consentire una buona aderenza, ma non troppo sgonfia altrimenti si rischia la foratura (pizzicatura della camera sul cerchione).

In termini ancora più pratici la gomma deve copiare il terreno senza rimbalzare ma avere la pressione sufficiente a far si che, in relazione al peso del biker, non ci sia il rischio di toccare il cerchio sul terreno (cosa che taglierebbe immediatamente la camera d’aria). Una pressione troppo elevata pregiudica la tenuta rendendo la bici instabile e facendola rimbalzare. In termini generali pressioni più elevate potranno essere utilizzate dalle persone più pesanti, con bici bi ammortizzate, su terreni più regolari.
Anche con gomme tubeless (coperture prive di camere d’aria, dove la tenuta è data dal fianco della gomma sul cerchio) una pressione troppo bassa può causare problemi. Anche una copertura troppo sgonfia non va bene. Se la gomma è troppo sgonfia la bici diventa comunque mal controllabile e, soprattutto si rischia la fuoriuscita della gomma dal cerchio (anche solo per una frazione di secondo) cose che con una tubeless porta allo sgonfiamento o comunque ad un’ulteriore, perdita d’aria.

In presenza di terreno bagnato e fondo viscido è ancora più importante sgonfiare adeguatamente le coperture così da avere una più ampia impronta a terra aumentando aderenza, trazione e frenata.


la montagna in bicicletta
news e
programmi week-end